Strumenti per il copywriting

Da Copywriter a scrittore il passo a volte è breve

Si può dire che i copywriter sono degli scrittori? 

In certi casi sicuramente sì. Molti copywriter hanno iniziato la loro carriera sfornando slogan, payoff correlati ai marchi, claims, ma poi con l’andare del tempo e per alcuni, la passione per la scrittura, la narrazione, la costruzione di storie o la voglia di scrivere saggi o altre tipologie di pubblicazione ha preso il sopravvento.

Sarà per la sicurezza economica che il lavoro del copywriter può offrire, quando inseriti nell’azienda giusta, presso l’editore di successo, o quando si impara a farlo nella veste di professionisti che, se dentro c’è la passione e la voglia di creare storie, occuparsi di determinati argomenti o semplicemente di raccontare, allora il passo fra il mestiere del copywriter e quello dello scrittore diventa breve, dipende tutto da quanto una persona ama scrivere.

Quello del copywriter è un mestiere che può evolversi in molte direzioni, non solo in quella della scrittura di romanzi, libri di opinione, di approfondimento, libri tematici, saggi e quant’altro.

In molti casi un copywriter diventa giornalista (anche se spesso succede che il giornalista diventa un bravo copywriter trovando il successo economico cambiando tipo di professione), in altri casi il copywriter diventa uno sceneggiatore, un pubblicitario una delle mille altre professioni che si possono fare una volta imparata l’arte di descrivere le cose, di raccontarle con fantasia e capacità di persuasione, una volta scoperti i meccanismi che fanno sì che le parole diventino veicolo di vendita.

Il corso di copywriter è consigliato a:

  • Titolari di aziende, Manager e Liberi Professionisti che vogliono imparare a scrivere della propria azienda, seguire i propri siti web e le proprie pagine di vendita, ideare spot pubblicitari per la radio, al tv e il web, imparare a comporre lettere commerciali efficaci per l’email marketing, compilare le schede prodotto di un e-commerce in modo che siano efficaci in tema di conversione all’acquisto, e fare molte altre cose che si fanno in un’azienda di piccole o medie dimensioni dove il titolare di solito sa fare un po’ di tutto, oppure nella grande azienda quando un imprenditore deve sapersi interfacciare con i professionisti del suo ufficio marketing o dell’agenzia pubblicitaria, piuttosto che con il web designer, per valuare con cognizione di causa il loro lavoro e per collaborare in maniera utile alla riuscita delle campagne di comunicazione commerciale.
  • Addetti al marketing spesso queste figure importantissime in azienda sanno fare di conto, sanno creare delle promozioni attrattive, sono dei geni nel trovare le strategie commerciali più efficaci per raggiungere i clienti, ma a volte per fare questo con successo gli mancano le parole. I responsabili del marketing quasi sempre oltre ad essere pratici di numeri, di proiezioni, di ricerca delle strade giuste per vendere, sono anche dei creativi, sanno coniugare le strategie con la comunicazione commerciale e nel fare questo hanno imparato ad usare le parole con la chiarezza e la capacità di semplificare i concetti che di solito un copywriter ha appreso.
  • Social Media Manager per fare questo mestiere bisogna sapere scrivere, creare piani editoriali in grado di attrarre l’interesse delle persone, e questo è semplicemente quello che fa un copywriter, il social media manager professionale non si occupa solo di programmare i contenuti delle campagne di social media marketing, ma sa anche valutarle sia dal lato della sostanza, che della narrazione o dell’estetica della scrittura.
  • Blogger, influencer e divulgatori devono conoscere le tecniche di scrittura e in modo particolare della scrittura di testi o articoli indicizzanti basati sulla SEO (Search Engine Optimization – l’ottimizzazione dei testi per i motori di ricerca).